Il Giornale di Vicenza, 2-11-2013 PDF Stampa E-mail
sabato 02 novembre 2013
Vicenza-New York - In 42 chilometri la festa dei runner

MARATONA. In molti correranno la gara di domenica, annullata nel 2012 Sulle strade della Grande Mela la 60enne con il figlio la giovane madre, il primario. L'obiettivo è arrivare 02/11/2013 e-mail Si può cominciare dal compleanno. Quaranta, cinquanta, sessanta. Non ha importanza quanti anni si compiono. Quando l'età corre, si può decidere di…correre. Magari una maratona. E non una qualsiasi, quella di New York. Tra i vicentini che domenica saranno alla partenza della 42 chilometri più famosa al mondo, c'è chi ha voluto, con la maratona, festeggiare un compleanno speciale. Vicentini al via. Difficile stabilire il numero esatto dei concittadini che sono volati a New York per la 44a edizione, in un'atmosfera particolare dal momento che un anno fa la maratona della Grande Mela venne annullata all'ultimo per colpa del uragano Sandy, che devastò l'intera città. Quest'anno, salvo sorprese, si corre. Gli italiani al via sono 1800. Storie. Per Piera Bolzani, titolare della nota pasticceria in città, sarà la quinta maratona. Ha iniziato a correre due anni fa con un sogno nel cassetto: regalarsi la maratona di New York per i 50 anni. «Ora ne ho 51 - spiega - avrei dovuto correre lo scorso anno ma la gara, per i motivi che si conoscono, fu annullata. Ho l'obiettivo di tagliare il traguardo entro le 4 ore». A Piera Bolzani, che rappresenterà l'AV Run Bisson Auto, assieme a Livio Dalla Verde e Paola Preto Martini, si chiede se al ritorno verrà accolta da una bella torta per festeggiare l'impresa. «No - ride - la cosa dolce a fine gara sarà trovare mia figlia di 22 anni, che mi accompagna a New York. Credo sia giusto avere un familiare al seguito con cui condividere questa avventura». Per Livio Dalla Verde, primario di psichiatria al San Bortolo, non è la prima maratona. Ha iniziato l'attività di running da non molti anni e quest'anno, per il ritorno a New York, ha voluto regalare un breve soggiorno al figlio per la laurea. Anche la signora Alessandra Ziggiotto, di Costabissara, ha scelto la 42 chilometri newyorkese per festeggiare un compleanno indimenticabile: i 60 anni. «È la mia prima. Corro soltanto da 10 mesi, avevo questo sogno e ora mi appresto a viverlo, assieme a mio figlio Tommaso, di 38 anni. Non sono mai stata sportiva, ma volevo mettermi in gioco. Devo ringraziare Riccardo Sgreva, il preparatore». Del gruppo che rappresenta diverse palestre della provincia il preparatore è Michele De Pretto. «Siamo 26 in tutto, di cui 20 runners. Molti desiderano correre una volta nella vita questa maratona e unire lo sport al turismo». Per Erika Marchiori, la moglie, sarà la prima maratona da mamma. Siro Pillan e Marco Rodella gareggeranno rispettivamente per Masteratletica e Runners Team Zanè. «New York probabilmente non è la maratona più bella. Però è unica, diversa dalle altre - spiega Siro Pillan, fresco campione regionale master nei 3000 siepi -. Mi accontenterò di chiudere sotto le 3h40'. Al di là dei risultati, la maratona rappresenterà un momento speciale di condivisione». Marta Benedetti

 
< Prec.   Pros. >