Passeggiate Patrimoniali PDF Stampa E-mail
domenica 01 gennaio 2017
Passeggiate Patrimoniali

Passeggiate Patrimoniali

Convenzione di Faro (Portogallo), 27 ottobre 2005, Consiglio d’Europa -

(convenzione successivamente assunta da Unesco e sottoscritta dal Governo italiano)

La Passeggiata Patrimoniale ha come obiettivo principale la promozione della consapevolezza tra i cittadini, intesi come soggetti culturali, della loro interazione con il patrimonio culturale in cui vivono e lavorano o che vengono a visitare; ed in particolare del beneficio che deriva dal vivere immersi in questo “patrimonio”, tanto per la sua portata storica, quanto per le attività attuali.

Durante la passeggiata sia i partecipanti che gli organizzatori agiscono tanto come residenti quanto come testimoni dell’uso attuale del patrimonio culturale, e delle sue possibili trasformazioni future.

La “Passeggiata Patrimoniale” si distingue dalla più nota visita guidata per i seguenti motivi:

1. E’ concepita e pianificata da o per cittadini-turisti che indipendentemente dalle loro professioni agiscono come comunità patrimoniale.

2. Si basa sull’individuazione di un tema significativo che funzioni come filo conduttore unificante per luoghi e persone.

3. A differenza delle visita guidate una passeggiata patrimoniale è centrata sull’incontro con testimoni, cioè con persone che portano una memoria viva con i luoghi, ne raccontano la loro esperienza diretta, i significati che hanno per loro e le loro aspettative.

4. Il tema è culturale in senso ampio, e coinvolge luoghi anche non direttamente interessati dal consueto turismo di massa.

5. Consente preferibilmente la visita di luoghi privati, o comunque abitualmente non aperti al pubblico, con o senza il consenso dei proprietari che spesso agiscono anche come testimoni.

6. La “Passeggiata Patrimoniale” è generalmente progettata e realizzata come forma di attività culturale di pubblico interesse e può proporre anche delle attività sportive.

La “Passeggiata Patrimoniale” è uno strumento che interpreta in senso pieno il concetto di diritto al patrimonio culturale: la comunità patrimoniale la usa per testimoniare la propria appartenenza al territorio in cui abita e i visitatori, attraverso di essa, possono arricchire la propria conoscenza e capacità di interpretazione delle dimensioni storiche, sociali e culturali del territorio, delle città e dei quartieri.

La prima Passeggiata Patrimoniale a Vicenza si è svolta il 25 settembre 2016, per nostra iniziativa.

 
Pros. >